Come diventare freelance

Michele

Mi chiamo Michele Bozzo e mi ritengo un pioniere del web, ho realizzato i primi siti in flash e programmato con le prime versioni di html, ho imparato in quel di Milano le basi del marketing (social e classico) e l'importanza della condivisione della conoscenza. Dal 2013 organizzo corsi di formazione per avvicinare tutti al mondo dell'informatica con notevole successo.

You may also like...

4 Responses

  1. Giorgio ha detto:

    Ciao , grande Michele… interessante il discorso della prestazione occasionale che secondo me per iniziare va benissimo.
    Sto preparando un sito per uno sfasciacarrozze della mia città quale canale ritieni opportuno per farmi conoscere al meglio?

    Spero in una tua risposta

    GIorgio

    • Michele ha detto:

      Ciao Giorgio, grazie per la tempestiva risposta al mio post… sei stato velocissimo.
      Rispondo subito volentieri alla tua domanda… mi chiedi come farti conoscere, dunque, le strade sono tante e come sempre bisogna trovare quella che funziona nel tuo caso.
      Per far conoscere il proprio brand, cioè il tuo marchio, la tua firma inizia a creare un tuo blog personale e inizia a scrivere, scrivere, scrivere… allo stesso modo se usi i social crea un tuo spazio (una pagina facebook, un account twitter o instagram) e pubblicizza quello che fai.
      Marketing? Se sei all’inizio il miglior marketing è quello di mio nonno… il passaparola, funziona sempre!

  2. Mario ha detto:

    Le realtà del freelance sono purtroppo molto insidiose: tasse, clienti che ritardano i pagamenti e richieste sottopagate ma è vero che ci sono anche molti vantaggi in termini di libertà.
    Bel articolo, sarebbe bello approfondire alcuni aspetti fiscali, a presto

    • Michele ha detto:

      Ciao Mario, hai pienamente ragione è una vita dura che spesso il cliente ci vede come uno che gioca col computer e risolve i problemi e quindi ci sottopaga volentieri.

      Per gli aspetti fiscali lancio un appello di qualche professionista che voglia approfondire l’argomento

      Grazie per il commento, a presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *